Archivi2020-03-21T21:46:51+01:00

Archivio Avvisi ed Eventi - 2024



San Giuseppe, Sposo della B.V. Maria – 19 Marzo

19 Marzo: San Giuseppe Sposo della B.V. Maria

Immaginetta con Preghiera
Scarica il PDF

SAN GIUSEPPE : uomo umile, povero, onesto, laborioso.
Il mese di marzo, nella tradizione religiosa e popolare, è consacrato a San Giuseppe. Nessuna parola di lui è riportata nel Vangelo; il suo linguaggio è il silenzio, è l’ascolto di voci angeliche che gli parlano nel sonno, è l’obbedienza pronta e generosa a lui richiesta, è il lavoro manuale espresso nelle forme più modeste e faticose, quelle che valsero a Gesù la qualifica di “figlio del falegname” ( Mt. 13,5 ).

SAN GIUSEPPE : PATRONO delle FAMIGLIE, dei LAVORATORI, dei MORENTI, della CHIESA
San Giuseppe è l’unico Santo al quale la Chiesa Cattolica abbia ufficialmente conferito quattro patronati: è patrono delle famiglie, avendo custodito e salvato Gesù e Maria, bisognosi della sua protezione. E’ patrono dei lavoratori e viene venerato come tale il I° maggio, perché con il suo lavoro assiduo, umile e paziente ha nutrito il Redentore e Sua Madre. E’ patrono dei morenti: giunto al termine della sua vita terrena è assistito e confortato nell’agonia da Gesù e Maria, e viene portato dagli Angeli nella Gloria del Cielo, dove è incoronato e ricompensato sopra tutti i santi, a premio delle sue eccelse virtù e in riconoscimento della sua peculiare missione. Pertanto, il momento del trapasso non poteva avere un protettore e un intercessore più premuroso e potente di lui. Infine, è stato riconosciuto patrono della Chiesa Universale, perché, come un tempo custodì Gesù e sua Madre, così ora, dal Cielo, continua il suo ministero di Patrocinio per la Chiesa universale.

SAN GIUSEPPE : difensore della VITA e dei CONCEPITI
Nel Vangelo di Matteo si vede come Giuseppe, promesso sposo di Maria, si accorge che Ella è incinta e quale giudeo “giusto”, dovrebbe ripudiarla, non essendo egli il padre di quel figlio. La conseguenza di tale atto di ripudio appare nel Vangelo di Giovanni: “Mosè, nella legge, ci ha comandato di lapidare le donne” (Gv 8,5). E’ una sentenza drastica; Maria dovrebbe essere uccisa, e con Lei, il Bambino. Ma Giuseppe è “giusto” davanti a Dio, rifiuta di obbedire alla legge e salva la vita a Maria e al Figlio. Ecco perché può considerarsi anche patrono “naturale” della vita e dei concepiti: egli ha salvato la vita di Gesù, non solo sottraendolo alla furia di Erode, con la fuga in Egitto, ma ancor prima della nascita, sottraendolo al rigore della legge mosaica. E inoltre, Giuseppe prendendo con sé Gesù e Maria, li salva da una sorte tragica che a quei tempi incombeva sugli orfani e sulle vedova, privi di sostentamento da parte di chiunque.

SAN GIUSEPPE : PADRE TERRENO
Padri, traete insegnamento da quest’uomo che seppe costruire una famiglia umana; applicò ad essa tutte le virtù cui era capace con la sua anima ardente d’amore. Solo l’amore e la fede gli permisero, nel cammino della sua vita, di superare notevoli ostacoli. Molti sottovalutano l’importanza che San Giuseppe ha avuto nei disegni di Dio: ma poteva Dio affidare ad un’anima qualunque la responsabilità di padre terreno? Così nel Cielo, a S. Giuseppe è stato assegnato il posto che gli competeva. Appellatevi a Lui, affinché possa intercedere per voi, in tutti i vostri bisogni. Per la sua fedeltà e per il suo amore gli sono state date le potenze d’intercessione e di grazia per tutte le vostre necessità. Sia per voi un modello costante. Se saprete calcare come padri di famiglia le sue orme, potrete gioire nelle vostre famiglie e sarete guardati benignamente dal Cielo: la grazia e la benedizione scenderà su di voi e sulle vostre famiglie. Sarete modelli di rettitudine che scalderà d’amore, non soltanto la vostra famiglia, ma tutte quelle che, sbandate e disperate, desiderano appoggiarsi e sperare negli esempi coerenti. Nella famiglia affidatevi a Lui, chiedetene il sostegno e pregate, affinché implori su di voi le virtù tanto necessarie per la vostra salvezza.

Consigliamo:
– La recita del ROSARIO di SAN GIUSEPPE 
  Clicca qui
– La partecipazione alla S. MESSA in suo onore, oppure alla pagina Messa in diretta del sito o attraverso il canale YouTube della Parrocchia
– ARCHIVIO OMELIE Gruppo di Preghiera San Giuseppe  →  Clicca qui

Accendi una CANDELA a San Giuseppe →  Clicca qui

– Altre preghiere a San Giuseppe: visita la pagina del sito “Devozioni e preghiere”  → “Libretti di Preghiera”  →  “San Giuseppe” →   Clicca qui 


Spunti per vivere insieme la Quaresima e la Settimana Santa (L. Ambrosiana)

Quaresima e Settimana Santa (Liturgia Ambrosiana)

QUARESIMA 2024 = Tempo di Grazia, di Misericordia e di Salvezza

Domenica 18 Febbraio facciamo il nostro ingresso nel Tempo forte della Quaresima (periodo di quaranta giorni che si conclude il Giovedì Santo con l’inizio del Triduo Pasquale che precede la celebrazione della Pasqua).
Come dice San Paolo, la Quaresima è «il momento favorevole» per compiere «un cammino di vera conversione», e per far questo sono necessarie alcune pratiche:
il digiuno: segno del nostro vivere della Parola di Dio, segno della nostra volontà di espiazione, segno della nostra astinenza dal peccato;
l’elemosina: è frutto del digiuno e delle privazioni ad esso connesse e diventa carità per i bisognosi e i poveri;
la preghiera: trae origine da quel digiuno che fa vivere l’uomo della Parola di Dio. Sant’Agostino diceva che il digiuno e l’elemosina sono «le due ali della preghiera» che le permettono di prendere più facilmente il suo slancio e di giungere sino a Dio.

 

Nella sezione “Devozioni e Preghiere” potete trovare:
Libretti di preghiera del “Tempo Quaresimale”  →  Clicca qui

 

Nella sezione “Catechesi-Cultura cattolica” potete trovare:
Vangeli illustrati
  Clicca qui
Diapositive PowerPoint dei Vangeli →  Clicca qui

Il Gioco dell’Oca della Quaresima (con domande a Quiz) →  Clicca qui

Il Puzzle della Quaresima →  Clicca qui

Il Gioco dell’Oca della Via Crucis (con domande a Quiz) →  Clicca qui


11 Febbraio 2024: Memoria della B.V. Maria di Lourdes e XXXII giornata mondiale del malato

11 Febbraio 2024

Memoria della B.V. Maria
apparsa a Lourdes
XXXII Giornata Mondiale del Malato 

PREGHIERA per la XXXII Giornata Mondiale del Malato
«Abbi cura di lui»

Padre ricco di misericordia,
guarda le nostre ferite
risana i cuori afflitti
e guida i nostri passi.

Fa’ che nella sofferenza non ci sentiamo soli,
che qualcuno prenda le nostre mani
e ci doni quella pace che, attraverso Cristo,
viene da Te.

Facci respirare già su questa terra
per il dono dello Spirito Santo
quell’aria di Cielo
che un giorno godremo con Te.
Amen.

→  Qui PDF della Preghiera 

→  Qui altre Preghiere

 

Domenica 11 febbraio 2023 – ore 16:00
S. Rosario – S. Messa particolare per gli ammalati e gli anziani

e Preghiera di Guarigione
→  Qui la Celebrazione




Torna in cima