8 Novembre: festeggiamo la regalità di Cristo

Quando il mondo era in subbuglio e il secolarismo si stava diffondendo, Papa Pio XI cercò di combatterlo affermando che Gesù Cristo è il vero re a cui dobbiamo la nostra fedeltà. Lo fece stabilendo una festa in onore di “Nostro Signore Gesù Cristo Re nel 1925 attraverso l’enciclica Quas Primas.
È la solennità che conclude l’anno liturgico e celebra la regalità di Cristo, Signore del tempo e della storia, inizio e fine di tutte le cose.

Cristo è Re e desidera regnare nei nostri cuori di figli di Dio.
Il Catechismo della Chiesa Cattolica sottolinea questo legame commentando la nostra partecipazione all’ufficio regale di Gesù Cristo: Il popolo di Dio partecipa infine alla funzione regale di Cristo. Cristo esercita la sua regalità attirando a sé tutti gli uomini mediante la sua morte e la sua risurrezione. Cristo, Re e Signore dell’universo, si è fatto il servo di tutti, non essendo «venuto per essere servito, ma per servire e dare la sua vita in riscatto per molti» (Mt 20,28). Per il cristiano «regnare» è «servire» Cristo, soprattutto «nei poveri e nei sofferenti», nei quali la Chiesa riconosce «l’immagine del suo Fondatore, povero e sofferente». Il popolo di Dio realizza la sua «dignità regale» vivendo conformemente a questa vocazione di servire con Cristo” (CCC 786).
Partecipiamo a questa regalità quando serviamo gli altri e ordiniamo la nostra vita in base al Vangelo. I santi in Cielo hanno avuto successo a questo riguardo e sono stati veri servi del Re, effondendo il Suo amore in tutto il mondo.
Erediteremo le gioie del Regno solo quando riconosceremo il nostro ruolo come servi fedeli, pronti e disponibili a fare tutto ciò che serve per promuovere un regno d’amore che si estenda in tutto il mondo...
Papa Leone XIII, l’ 11 giugno 1899, consacrò la Chiesa, il mondo e tutto il genere umano a Cristo Re. La formula della preghiera, se viene recitata pubblicamente nella solennità di Gesù Cristo Re dell’ universo, fa acquisire l’ indulgenza plenaria. L’atto di consacrazione è ricco di richiami all’amore di Cristo per l’intera umanità. Un amore che si è reso visibile proprio nella totale donazione di se stesso sulla croce. Insieme all’atto di consacrazione, nella solennità di Cristo Re, si è soliti recitare anche la preghiera di riparazione.

 

Clicca qui  per le preghiere a Cristo Re
oppure visita la sezione Devozioni e Preghiere”
e alla pagina “Libretti di Preghiera”
seleziona “Figlio Gesù”